"Aiutiamo chi non ha mai chiesto aiuto"

Ragusa e il piano anticrisi Coronavirus

article image Il Sindaco di Ragusa, Peppe Cassì, devolve metà della sua indennità di marzo


26 Marzo 2020

Alla fine, in ritardo rispetto agli altri comuni iblei dove analoghe misure sono in corso da qualche giorno, il Comune di Ragusa si muove per il piano di contrasto alla crisi economica causata dall'emergenza Coronavirus. In realtà, il contributo, almeno iniziale, del Comune, sarà di 10.000 euro, di fatto inferiore a quello stanziato dal Comune di Modica, non certo in condizioni floride dal punto di vista del bilancio comunale. Per il resto, il Comune invita associazioni e privati a fare la propria parte, donando sia a livello materiale che economico, e assicura, attraverso la Caritas di Ragusa, il coordinamento delle iniziative. Presentando la misura, il primo cittadino, Peppe Cassì, annuncia altresì la decisione "di devolvere metà della mia indennità di marzo a questa causa".

Ecco la nota del Comune di Ragusa. 

E’ stato attivato il servizio comunale per il contrasto alla crisi economica e sociale causata dall’emergenza Covid-19.

Compito degli operatori sarà duplice:

-gestire i bisogni di categorie non seguite da servizi sociali o associazioni di volontariato, come lavoratori occasionali attualmente privi di reddito e che non beneficiano di ammortizzatori sociali, anziani in difficoltà, soggetti immunodepressi o particolarmente a rischio e per questo costretti all'isolamento;

-raccogliere e censire la disponibilità di aziende e privati che vogliono offrire beni di prima necessità o servizi assistenziali o di volontariato di diversa natura.

Nasce quindi una regia unica per un “Patto di solidarietà diffusa” utile a incrociare domande e offerte secondo modelli condivisi e già verificati dalla Diocesi Ragusana, che attraverso la Caritas è cardine di questa rete insieme a tutti coloro che vorranno aderire: associazioni che operano nel sociale, club service, privati cittadini.

Il servizio sarà attivo da domani, secondo il seguente calendario:

Lunedì; 9.00-12.00; 0932-676863

Martedì; 9.00-12.00 e 15.00-17.30; 0932-676850

Mercoledì; 9.00-12.00; 0932-676865

Giovedì; 9.00-12.00 e 15.00-17.30; 0932-676863

Venerdì; 9.00-12.00; 0932-676850

Sono molteplici i beni e i servizi da poter offrire:

- generi alimentari;
- prodotti per l’infanzia;
- prodotti per la pulizia e l’igiene personale;
- dispositivi sanitari di sicurezza (guanti, mascherine, tute, disinfettanti…);
- dispositivi per il contrasto alla povertà educativa (computer, tablet, smartphone…);
- disponibilità a svolgere servizi di volontariato;
- disponibilità a svolgere servizi di consegna a domicilio.

Inoltre è possibile effettuare una erogazione liberale sul c/corrente intestato al Comune di Ragusa con Iban IT77O0503617000T20006660001, indicando come causale “Emergenza Coronavirus”: i fondi raccolti saranno destinati unicamente al contrasto dell’emergenza Covid-19 sanitaria, economica e sociale.
 
Il Comune farà la sua parte con un contributo iniziale di 10.000 euro, e rimpinguando i capitoli di bilancio per Servizi sociali destinati al sostegno alle famiglie che vivono momenti di disagio, ma ogni associazione, azienda, impresa, professionista o privato cittadino può dare il proprio contributo.

Ai sensi dell'art. 66 del Decreto Legge "Cura Italia" sono previste detrazioni fiscali del 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro per le erogazioni liberali delle persone fisiche e la deduzione fiscale senza limite di importo per le erogazioni di soggetti che percepiscono redditi di impresa.

 

HAI GIÀ SCARICATO L'APP DI ZTL? SE HAI UN DISPOSITIVO ANDROID, SCARICALA ORA, PER ESSERE SEMPRE INFORMATO, DIRETTAMENTE SUL TUO SMARTPHONE, SU TUTTO CIÒ CHE È IMPORTANTE PER TE.

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA