Ibla, violazioni al Codice della Strada

Ragusa, le segnalazioni ripetute a Comibleo

article image Ripetute segnalazione di violazione al Codice della Strada, Comibleo segnala


11 Giugno 2021

Continuano a pervenire al Comibleo segnalazioni di violazione al Codice della strada causate dall’improprio attraversamento del centro storico.

E’ quanto evidenzia, in una nota trasmessa al sindaco di Ragusa e al presidente del Consiglio comunale, il comitato spontaneo di residenti nella città antica che sottolinea come sia “prassi consolidata accedere a Ibla da via Giusti e via del Mercato, nonostante i divieti, proseguire per via Chiaramonte e via Peschiera per raggiungere la Ss 194, con rischio e pericolo per la sicurezza degli abitanti, passanti, studenti universitari e turisti che percorrono le suddette vie.

Analogo pesantissimo traffico in senso inverso si verifica da via Peschiera, Caporale Bellina, Ten. La Rocca, delle Suore, Orfanotrofio, Largo Camerina, via del Mercato, piazza della Repubblica, via Don Minzoni, via Risorgimento, verso tutte le destinazioni della città o verso Modica.

L’eccessivo transito veicolare – è spiegato ancora nel documento – oltre a provocare inquinamento atmosferico, acustico e da vibrazioni ampliato dal rotolamento dei pneumatici sul basolato sconnesso, pregiudica la conservazione degli stabili e dei monumenti; basterebbe installare dei  semafori all’imbocco di via Giusti e via del Mercato per risolvere il problema e limitare solo ai residenti il transito in via Chiaramonte particolarmente angusta e pericolosa, dove purtroppo è stato dirottato il traffico veicolare diretto verso l’entroterra montano, quasi a legittimare la violazione del divieto di accesso da via del Mercato ai non residenti”.

“Inoltre – specifica ancora il Comibleo – non è stato ancora risolto il problema dei parcheggi interni a Ibla da riservare h24 solo ai residenti, circostanza che sta esasperando sempre più gli animi, dal momento che si assiste ad un inverosimile incremento del traffico a tutte le ore, con le aree di sosta occupate da auto con pass rilasciati ai non aventi diritto, scaduti o fotocopiati, in continuità con quanto avviene da sempre, con gruppi di decine di giovani con motorette liberi di scorrazzare indisturbati per le vie di Ibla occupando stalli, marciapiedi e passi carrabili, riproponendo il problema dei parcheggi al rientro dal lavoro dei residenti, che sino ad ora non ha trovato alcuna seria soluzione.

Infatti, l’assessorato alla polizia municipale persiste nel rilascio di pass per gli ospiti delle strutture ricettive e di altre figure non previste dal Codice della strada e a mantenere, nonostante le reiterate richieste di rimozione avanzate da questo comitato, la segnaletica stradale dei parcheggi difforme a quella del catalogo della segnaletica del Cds.

Sarebbe opportuno che l’assessore al Centro storico e polizia municipale chiarisse: in virtù di quali norme si continua a rilasciare pass per la sosta a figure non previste dal Cds equiparandoli ai residenti e non viene invece installata la segnaletica per la sosta h24 dei soli residenti lasciando libere le altre aree; se l’occupazione del suolo pubblico rispetta le norme di sicurezza e viabilità riguardante i percorsi pedonali e dei diversamente abili, la distanza dalle intersezioni e il mantenimento della larghezza minima della carreggiata di 3,50 metri atta a consentire il transito dei mezzi di soccorso e protezione civile; che fine ha fatto il parcheggio multipiano di discesa Peschiera dal momento che, apprendiamo dagli organi di stampa, il progetto di allargamento della circonvallazione serve solo ad istituire un parcheggio per 160 vetture e non a migliorare la sicurezza dei cittadini; perché da oltre due anni continuano a restare chiusi i servizi igienici del Giardino Ibleo, esempio di  intollerabile indecorosa  immagine del centro storico patrimonio Unesco, che, assieme ad altre carenze manutentive, rischiano di compromettere il mantenimento di tale riconoscimento per possibili improvvise verifiche da parte di chi deve vigilare, che peggiorerebbe le condizioni di vivibilità dei residenti e dei numerosi operatori economici in regola con le  norme del settore di appartenenza”.

Comibleo, tra l’altro, chiede perché “nel centro storico non viene svolto regolare servizio di vigilanza della polizia municipale specie ora che comincia ad intravedersi il movimento turistico disturbato dal traffico.

Ecco perché riteniamo urgente proporre di disporre l’emanazione di apposita ordinanza di regolamentazione viaria in grado di garantire i parcheggi ai residenti, di prevenire e impedire il caos creato l’anno scorso con il libero accesso a tutti da via Peschiera e far trascorrere serenamente la stagione estiva ai cittadini, agli operatori economici e ai turisti”. 

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA