Ragusa, il crollo della cassa integrazione

Ad aprile, netto calo. E non e' una buona notizia

article image In provincia di Ragusa crolla la Cassa Integrazione. Un dato che autorizza diverse considerazioni


10 Giugno 2019

A Ragusa, il ricorso alla Cassa Integrazione, sta praticamente scomparendo. E, il tutto, in appena un mese. Ma non è una buona notizia (il lavoro ritrovato, l'occupazione che sale), e, nell'incrocio dei dati forniti dal rapporto Uil, vedremo perchè. 

Dopo il volo (basso), di marzo, infatti, il territorio ibleo passa, da marzo ad aprile, dalle 46.000 ore autorizzate a poco più di 3.600 complessive. 

Azzerata, infatti, la Cassa Integrazione Straordinaria, e quella in Deroga, come già rilevato a marzo, quella Ordinaria, che aveva tenuto, viene praticamente abbattuta.

Il tutto, determina un segno meno consistente (92,1%), che rende la provincia iblea il fanalino di coda tra le province siciliane. Non in termini assoluti, però: peggio di Ragusa, infatti, c'è ancora Enna, con solo 3.100 ore autorizzate. Ma c'è da dire che la provincia ennese, da diverso tempo, è la più bassa, in valori assoluti, tra le realtà dell'isola. 

Anche nell'analisi complessiva del primo quadrimestre 2019, e nel raffronto con lo stesso periodo 2018, non va meglio. Ragusa, infatti, è ancora penultima, per contrazione di ore di Cassa Integrazione autorizzate.

In questo caso, infatti, si registra un meno 33,8%, secondo solo, ovviamente al ribasso, al meno 35,7% di Catania.

Ragusa, nel dettaglio assoluto, passa da 82.000 ore autorizzate, a poco più di 54.000. La contrazione più alta, oltre all'azzeramento endemico della Cig in deroga, e a quello, poco rilevante, della Cig straordinaria (da 2.000 a 0 ore), è ovviamente registrata nell'ambito della Cig ordinaria, che scende di quasi 30.000 ore nel raffronto tra un anno e l'altro. 

Ma perchè quanto descritto non è una buona notizia? In realtà, non abbiamo dati certi su altri indicatori. Più che altro, si tratta di una deduzione, osservando le altre tabelle che compongono il rapporto Uil. Ossia, quelle riguardanti la Sicilia, nel raffronto con le altre Regioni. 

Innanzitutto, mentre a Ragusa la Cig si sgonfia, nell'Isola, in un solo mese, si registra un salto triplo nelle ore autorizzate. Passando da 500.000 a 1,5 mln di ore. Di queste, l'innalzamento più evidente riguarda la Cig straordinaria, che sale del 434%, e assorbe 1,3 degli 1,5 mln di ore complessive, tra marzo e aprile di quest'anno. L'Isola, nel raffronto con le altre Regioni, registra il secondo incremento più alto in termini percentuali, e balza all'ottavo posto tra le realtà italiane. 

La situazione, si normalizza nel raffronto tra i primi quattro mesi dell'anno nel 2018 e nel 2019. Qui, la Sicilia, con 3,1 mln di ore autorizzate, scende di 500.000 unità orarie, rispetto ai 3,6 mln dello stesso periodo 2018, scivolando al 10° posto complessivo, con un decremento del 15%. 

Quindi, ad una prima analisi, mentre la Sicilia, dopo una netta contrazione, torna a crescere, in termini di ore autorizzate. 

Ma gli aspetti che meritano un'ulteriore considerazione, sono legati ad altre due tabelle inserite nel rapporto Uil. 

Secondo le stime del sindacato, riguardanti i posti di lavoro salvaguardati tra il primo quadrimestre 2018 e lo stesso periodo dell'anno in corso, la Sicilia "perde" infatti 800 unità lavorative, passando da 5.300 a 4.500, effetto del meno 620 registrato alla voce Cig in deroga, e del meno 212 rilevato alla voce Cig ordinaria. L'isola è al quartultimo posto in Italia. 

Nell'analisi per settori, poi, si rileva come l'industria, che resta l'ambito con il più alto riferimento assoluto, scende da 2 a 1,7 mln di ore autorizzate, mentre l'edilizia cresce da 500.000 a 1,2 mln di ore autorizzate. Da segnalare il crollo del commercio, che passa da quasi 1 mln di ore autorizzate a poco più di 130.000. 

Due aspetti, entrambi rilevanti che, uniti ad altre considerazioni e ad altri dati, consentiranno di comprendere meglio il quadro complessivo dell'economia siciliana e, di riflesso, di quella iblea.

 

HAI GIÀ SCARICATO L'APP DI ZTL? SE HAI UN DISPOSITIVO ANDROID, SCARICALA ORA, PER ESSERE SEMPRE INFORMATO, DIRETTAMENTE SUL TUO SMARTPHONE, SU TUTTO CIÒ CHE È IMPORTANTE PER TE.

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA