Anche a Ragusa sciopero nazionale della Gdo

L'intervento della Fisascat Cisl Ragusa Siracusa

article image Anche a Ragusa, il 4 e 5 Aprile, sciopero nazionale della Gdo


04 Aprile 2021

Proclamato a livello regionale dalle federazioni dei lavoratori del commercio, turismo e servizi lo sciopero del personale della Grande distribuzione nelle giornate del 4 e 5 aprile.

“Le organizzazioni sindacali regionali – sottolineano i segretari della Fisascat Cisl Ragusa Siracusa, Teresa Pintacorona e Salvatore Scannavino – avevano richiesto al presidente della Regione e al presidente Anci Sicilia un provvedimento immediato per disporre la chiusura delle attività commerciali per le festività di Pasqua, Pasquetta, 25 Aprile e 1° Maggio.

I lavoratori del commercio, proprio in virtù dell’attività essenziale chiamati a svolgere anche durante il lockdown, sono tra i più esposti al rischio contagio. Ecco perché è stato proclamato lo sciopero per l’intero turno di lavoro, nelle due giornate in questione, delle lavoratrici e dei lavoratori della grande distribuzione organizzata”.

La Fisascat Cisl Ragusa Siracusa aggiunge: “Per una maggiore tutela della salute e della sicurezza non solo dei lavoratori ma di tutta la collettività, non è più rinviabile un intervento per la chiusura delle attività commerciali nelle giornate di domenica e festivi, intensificando, contestualmente, i controlli e applicando le relative sanzioni.

Al contempo prendiamo atto positivamente della scelta di alcuni gruppi societari nazionali e locali che hanno deciso di chiudere le proprie attività nei giorni in questione. Auspichiamo che ci sia un ravvedimento dell’ultimora anche da parte degli altri esponenti della Gdo locale”.

E la segretaria generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, conclude sottolineando che “in un tempo critico come quello attuale è opportuno che siano compiute scelte sostenibili con le difficoltà che l’intera collettività sta affrontando e che i lavoratori, come in questo caso, sono chiamati a fronteggiare; lavoratori che non si sono mai fermati e che sono stati sempre presenti sui loro posti di lavoro, a continuo contatto con la gente, rischiando in ogni istante il contagio da Covid-19 e mettendo a rischio la loro salute e quella delle loro famiglie.

Malgrado ciò, non si riesce ancora a farli rientrare tra le categorie prioritarie nel piano vaccinale.

Non può essere il profitto aziendale l’unica ruota a muovere gli ingranaggi di questo universo. Non possiamo farci dominare dal lavoro, piuttosto deve essere il contrario”.

 


HAI GIÀ SCARICATO L'APP DI ZTL? SE HAI UN DISPOSITIVO ANDROID, SCARICALA ORA, PER ESSERE SEMPRE INFORMATO, DIRETTAMENTE SUL TUO SMARTPHONE, SU TUTTO CIÒ CHE È IMPORTANTE PER TE.

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA