Covid, salgono decessi e positivi

Ragusa, nuovo decesso. Positivi a quota 1.500

article image Ancora preoccupante la situazione in provincia


28 Aprile 2021

Aumentano positivi e decessi in provincia di Ragusa.

Sono 1.488, in totale, in aumento di 18 unità. Tra questi 1.311 i positivi in isolamento domiciliare, 60 i ricoverati nelle strutture ospedaliere iblee e, infine, 17 i ricoverati nella Rsa Covid. 

Al Giovanni Paolo II di Ragusa sono 28 le persone ricoverate in Malattie infettive, 11 in area grigia e 15 in Terapia intensiva. 

Al Guzzardi di Vittoria, 6 i ricoveri in area Covid. 

Dall’inizio della pandemia i guariti sono 9.064, mentre i decessi 243, per effetto di una nuova scomparsa.

Questi i dati dei positivi per comune: Vittoria 335, Ragusa 440, Modica 122, Comiso 223, Scicli 88, Ispica 26, Chiaramonte Gulfi 16, Acate 23, Pozzallo 69, S. Croce Camerina 53, Monterosso Almo 7 e Giarratana 9.

 

L'INFORMAZIONE ALLA CITTA' DA PARTE DEL SINDACO DI COMISO, MARIA RITA SCHEMBARI

“I dati di oggi, 27 aprile 2021, ci dicono che a Comiso i positivi sono in tutto 223. 

In questa settimana, che pure ha avuto una giornata, quella del 25 aprile, in cui i contagi sono schizzati a più 24, abbiamo un incremento totale di 43 nuovi positivi, cioè 32 sotto il limite per cui scatta la zona rossa.  

I nostri concittadini ricoverati sono in tutto 9 nei reparti Covid degli ospedali di Vittoria e Ragusa. Ma un passaggio dovuto, è relativo alle scuole di Comiso. 

Ad oggi, la situazione è questa: tutte le classi e i corsi dell’istituto comprensivo Verga sono in DAD fino al 30 aprile. A Monserrato, metà della scuola è in quarantena. Primo Circolo didattico De Amicis 4 classi in quarantena. 

Scuola dell’infanzia Grazia, chiusa fino al 30 aprile, ma forse prorogherà fino al 4 maggio. Scuola media Pirandello tutta in DAD, tranne le classi ubicate presso il Saliceto. 

Scuola Senia, classi in quarantena ma il dato esatto è in aggiornamento. I.C Bufalino nessuna classe in quarantena. 

Alla luce di questi dati, relativi alle scuole di Comiso, appare ancora più insensata la riapertura in presenza decisa e imposta dal Governo Draghi. 

Insensata per due motivi: il primo perché il virus, soprattutto nella sua variante inglese, circola anche tra i giovani e i bambini, il secondo perché, come dicono i numeri, stiamo assistendo a riaperture scolastiche a singhiozzo. 

Mi chiedo se sia questo il modo di salvare l’istruzione dei nostri ragazzi, a meno di un mese dalla chiusura estiva, mettendoli tra l’altro fortemente a rischio, mettendo a rischio il personale docente, gli assistenti, i collaboratori e tutte le relative famiglie. 

Va da sé infine, che alla chiusura delle scuole, e nel periodo di DAD, dovrebbe corrispondere un comportamento molto responsabile da parte dei genitori che non devono fare uscire i loro ragazzi in gruppo il pomeriggio e la sera”.

 

HAI GIÀ SCARICATO L'APP DI ZTL? SE HAI UN DISPOSITIVO ANDROID, SCARICALA ORA, PER ESSERE SEMPRE INFORMATO, DIRETTAMENTE SUL TUO SMARTPHONE, SU TUTTO CIÒ CHE È IMPORTANTE PER TE.

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA