Acate, denunciati quattro cacciatori

Importante operazione della Polizia Provinciale

article image L'attività della Polizia Provinciale di Vittoria


09 Settembre 2021

Importante azione della Polizia Provinciale all’inizio della stagione venatoria 2021/2022. Soprattutto nei primi giorni, quando massimo è l’afflusso di cacciatori nelle zone rurali iblee, il rafforzamento dei dispositivi di controllo del territorio ha permesso che la caccia si svolgesse nel rispetto della legge e con l’osservanza delle norme di sicurezza per evitare spiacevoli incidenti.

Il tutto in un regime di preapertura che si annunciava già problematico e che ha richiesto sforzi suppletivi alla Polizia Provinciale, col decreto del Tar Catania del 31 agosto scorso di sospensione del Calendario Venatorio ed il successivo decreto della Regione Siciliana dell’1 settembre 2021 di modifica dello stesso calendario, in uno alla normativa covid19 e al regime di “zona arancione” dei Comuni di Comiso e Vittoria (i cui territori sono ad altissima pressione venatoria per la notevole presenza di conigli selvatici e colombacci).

All’uopo il Comando ha rafforzato i dispositivi di controllo (oltre quelli “ordinari” già in atto durante tutto l’anno), attuati anche in orari notturni, che hanno interessato l’intero territorio provinciale. Nonostante la presenza di cacciatori sia stata massiccia, soprattutto nel versante ipparino, non si ha notizia di incidenti.

Nel corso di questi primi giorni, oltre 50 cacciatori sono stati controllati. Purtroppo, come si temeva, non sono mancati episodi di bracconaggio. A seguito di due distinte operazioni, 4 soggetti sono stati denunciati, in stato di libertà, all’autorità giudiziaria per reati venatori di varia natura: caccia con furetto (il cui uso è vietato in tutta la Sicilia) e caccia con fucile privo di riduttore. Si tratta di un 55enne, di un 53enne, di un 49enne, tutti di Caltanissetta, e di un 59enne, di Messina.

I reati sono stati accertati in contrada Dirillo e in contrada Bosco Grande, in territorio di Acate. Agli stessi sono stati sequestrati in tutto 4 fucili da caccia, 46 cartucce, un furetto oltre ad attrezzatura varia.

Sono state contestate, inoltre, 5 infrazioni amministrative per attività in Ambito Territoriale di Caccia non autorizzato, mancata esibizione della licenza di caccia (pur essendone in possesso) e attività venatoria nei pressi di una strada carrozzabile.

Dopo il fine settimana appena trascorso, la caccia sarà possibile in regime di preapertura sabato 11 e domenica 12 settembre per il coniglio selvatico ed il colombaccio (nella sola forma dell’appostamento temporaneo). Per i nostri AA.TT.CC., l’apertura generale è prevista per alcune specie dal 19 settembre 2021, mentre quella al coniglio selvatico sarà possibile dal 2 ottobre al 28 novembre 2021 incluso. Per la chiusura sono fissate date diverse in funzione delle specie cacciabili (es. sino al 17 gennaio 2022 per il colombaccio).

ZTL | L'informazione cambia rotta
Scarica l'app di ZTL gratuitamente su Google Play Store
SCARICA