Il Sindaco di Ispica, Innocenzo Leontini, e gli episodi di vandalismo in città. Ecco la sua nota.

"È sotto gli occhi di tutti e oggettivamente provato che, da qualche tempo a questa parte, ad Ispica e in particolar modo in alcuni quartieri ci sia la presenza di gruppi di giovani e giovanissimi che pongono in atto delle condotte deprecabili che portano a frequenti episodi di: disturbo della quiete pubblica, risse, atti di vandalismo e totale mancanza di rispetto delle cose pubbliche.

Da Sindaco ho chiesto, e colgo l'occasione per ringraziarle nuovamente e pubblicamente, l'intervento delle Forze dell'Ordine che hanno avviato operazioni di maggiore e intensificato controllo del territorio ispicese.

Da primo cittadino di Ispica, però, sento anche il dovere e l'obbligo morale di tendere una mano a questi giovani, di voler capire il perchè dei loro comportamenti e, soprattutto, di individuare modi e forme per poterli aiutare, non deve restare indietro nessuno.

La repressione è fine a se stessa se non coadiuvata dalla collaborazione, dal confronto e dal dialogo.

La "mano" che prima reprime è ingiusta se poi non è tesa verso l'altro. Il mondo dei giovani è complesso e in evoluzione (del resto è sempre stato così e giovani lo siamo stati anche noi), è necessario per chi amministra la Città iniziare ad ascoltare il punto di vista dei nostri ragazzi.

Alla luce di ciò invito l'On. Marialucia Lorefice Presidente della XII Commissione (Affari Sociali), i Dirigenti Scolastici, le Associazioni Parrocchiali e soprattutto tutte le associazioni giovanili di Ispica a Palazzo Bruno, martedì 5 Ottobre alle ore 18.00.

Insieme creeremo un'occasione di dialogo e confronto, un'opportunità per affrontare il tema: sono sicuro che dialogo e confronto siano strumenti positivi per individuare, in sinergia, delle possibili strade da intraprendere per cercare di risolvere alla radice il problema.

È opportuno che, al fine di rispettare le norme anticovid, per ogni associazione partecipino all'incontro non più di due persone".