Proseguono, nella sede dell’Uici di Ragusa, le iniziative del progetto Irifor che si occupa di sostenere i bambini di età compresa tra i 0 e i 6 anni affetti da cecità o ipovisioni. 

Le iniziative di intervento precoce mirano a fornire supporto a un’utenza particolarmente fragile per la quale un intervento abilitativo tempestivo e l’adeguato sostegno ai genitori, nel delicato momento post-diagnosi e nei primi anni di crescita del bambino, possono scongiurare i rischi di sviluppo e le conseguenze secondarie rispetto all’assenza o alla mancata integrità della funzione visiva, soprattutto in presenza di disabilità aggiuntive. 

“Stiamo parlando – sottolinea il presidente Uici Ragusa, Salvatore Albani – di una serie di interventi che contemplano un ciclo di azioni di abilitazione volte a promuovere lo sviluppo globale del bambino, individuandone i punti di forza e di debolezza, secondo un approccio olistico. 

Gli operatori stanno svolgendo un grande lavoro e ci forniscono una grande mano nell’attività di prevenzione che costituisce una delle principali ragion d’essere della nostra associazione. Ringrazio gli stessi operatori per la capacità empatica che hanno sviluppato con i bambini e cerchiamo di andare avanti lungo questa direzione anche per il prossimo futuro”.