La richiesta per la convocazione di una seduta aperta del Consiglio comunale di Ragusa allo scopo di conoscere qual è lo stato di salute della Sanità cittadina a una ventina di mesi dallo scoppio della pandemia. E’ il senso dell’istanza presentata questa mattina dal capogruppo Cinque Stelle, Sergio Firrincieli, a nome di tutto il gruppo consiliare.

“Vogliamo conoscere – chiarisce quest’ultimo – lo stato di esercizio dei vari reparti degli ospedali cittadini, soprattutto del Giovanni Paolo II. Quello che ci interessa comprendere, ad esempio, è a che punto è la riattivazione della Stroke unit nella nostra città dopo che una sentenza del Tar aveva imposto il ritrasferimento a Ragusa.

Prendendo spunto dall’ultima comunicazione del presidente del Consiglio comunale, Fabrizio Ilardo, riguardante la Pediatria, riteniamo che il modo migliore di trattare questa tematica sia quello di non limitarlo solo a un settore della Sanità ragusana ma di ampliare l’esame della stessa a trecentosessanta gradi.

Questo perché pensiamo sia il modo giusto di occuparsi della vicenda, facendo intervenire le forze vive della città, quindi coinvolgendo, nella seduta aperta, anche le parti sociali e tutte le altre forze politiche rappresentate o non rappresentate in seno al civico consesso.

E’ alquanto importante che se ne possa discutere tutti assieme, naturalmente alla presenza dei vertici dell’Asp, a cominciare dal direttore generale Angelo Aliquò. Purtroppo, non c’è solo la Pediatria in difficoltà ma anche di altri reparti occorre monitorare lo stato di efficienza”.

“Sollecitiamo, dunque – conclude Firrincieli – la convocazione di questa seduta aperta del civico consesso per dipanare, una volta per tutte, la delicata questione”.