Torna l’Oral Cancer Day, l'appuntamento annuale con la salute della bocca e la prevenzione dei tumori del cavo orale organizzato dalla Fondazione ANDI Onlus che si svolge in contemporanea in varie piazze d'Italia. Sabato 14 maggio dalle ore 9 alle 13 in piazza Matteotti a Modica, i dentisti ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani – provenienti da tutta la provincia, daranno informazioni, nel proprio stand, su come prevenire i tumori della bocca, sui fattori di rischio e sui controlli periodici. Dal 16 maggio al 17 giugno, inoltre, sarà possibile prenotare una visita di screening gratuita dai dentisti che aderiscono all’iniziativa (https://www.oralcancerday.it/cerca-lo-studio-piu-vicino-a-te/)

Il tumore del cavo orale è tra le forme tumorali più diffuse al mondo, ma un’adeguata prevenzione e una diagnosi precoce può curarlo. Secondo un recente studio dell' «International Journal of Cancer», la percentuale di decessi per tumori potenzialmente evitabili, nel caso dei tumori delle labbra e del cavo orale, è pari al 68 % negli uomini e al 62 % nelle donne relativamente al consumo di tabacco; al 72% negli uomini e al 48% nelle donne per l’abuso di alcol.

In Italia la situazione è peggiorata con il Covid, specialmente riguardo al fumo. I tentativi di smettere di fumare, in lenta riduzione dal 2008, si sono ridotti durante il periodo pandemico, soprattutto fra le donne. La quota di chi tenta di smettere di fumare è scesa dal 36% del 2019 al 31% durante la pandemia, dal 39% al 31% fra le donne (Fonte AIOM 2021). Complessivamente sono 9.900 le nuove diagnosi di tumori del cavo orale (uomini 7.300, donne 2.600), certificate nel 2020. Gli strumenti messi in campo dalla Fondazione ANDI Onlus, sin dalla prima edizione del 2007, hanno svolto un ruolo importante nel campo della prevenzione e della diagnosi precoce.

«In Italia si registra un progressivo calo dei tassi di incidenza di tutti i tumori, cancro della bocca incluso», ha dichiarato Evangelista Giovanni Mancini, presidente della Fondazione ANDI Onlus, «Persistono, però, alcune criticità in merito alla diagnosi tardiva e alla persistenza di fattori rischio individuali, quali l’abuso di alcol e il fumo. Questi sono ancora oggi i principali nemici da abbattere per ottenere un cambio di scenario. Resta fondamentale il continuo impegno degli Odontoiatri, quali prima linea di difesa contro il cancro della bocca insieme e a supporto dei patologi orali, dei chirurghi ORL (Otorinolaringoiatria, nda) e Maxillo-Facciali».

A fianco della Fondazione ANDI Onlus, scenderanno in campo cinque sigle unite per un fronte comune: SIPMO (Società Italiana di Patologia e Medicina Orale), Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), SICMF (Società Italiana Chirurgia Maxillo-Facciale), SIOeChCF (Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico Facciale), A.I.O.L.P. (Associazione Italiana Otorinolaringoiatri Liberi Professionisti).