Sarà un fine settimana di festa a Monterosso Almo. Ancora una volta.

Anche se, pure in questa occasione, a causa dell’emergenza sanitaria, non sarà possibile dare vita alla processione con il simulacro. Tutto ciò in osservanza delle disposizioni antiCovid che permangono tuttora.

Le celebrazioni in onore di Maria Santissima Bambina proseguono, dunque, e dopo la celebrazione eucaristica di oggi, in programma alle 19 e caratterizzata dall’omelia con riflessione mariana tenuta dal diacono Giovanni Agostini, si prosegue domani sempre con analogo leit motiv.

Alle 19, infatti, si terrà la santa messa sempre con l’omelia del diacono. In serata, un momento di allegria e spensieratezza in piazza Rimembranza con lo spettacolo musicale che vedrà per protagonista la cover band di Renzo Arbore.

L’iniziativa, in questo caso, è a cura dell’amministrazione comunale. Domenica 3 ottobre è il giorno della festa vera e propria.

Alle 7,30 ci sarà il suono festoso delle campane e lo sparo di bombe, alle 8,30 la celebrazione eucaristica e alle 9 il giro del corpo bandistico Città di Monterosso Almo per le vie del paese con annessa questua.

Alle 11, nella chiesa di San Giovanni, dove si stanno tenendo tutte le funzioni religiose legate ai festeggiamenti in questione, la solenne celebrazione eucaristica presieduta da don Salvatore Giaquinta e supplica alla beata Vergine del santo Rosario di Pompei.

Alle 12, in piazza San Giovanni, lo spettacolo pirotecnico. Alle 19,30, in piazza Rimembranza, si terrà la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal parroco, il sacerdote Giuseppe Antoci.

I festeggiamenti si concluderanno alle 21, sempre in piazza, con lo spettacolo musicale in collaborazione con il maestro Umberto Terranova.

“Abbiamo messo in evidenza – affermano Gianluca Manenti, presidente provinciale Confcommercio Ragusa, e Lorena Camillieri, presidente sezionale Confcommercio Monterosso – una festa religiosa che in pochi conoscevano al di là dell’ambito cittadino. Ma sono queste le iniziative che si ricollegano all’identità di questo borgo e che ne raccontano storia e tradizioni. Iniziative che, tra l’altro, fungono da richiamo e che attirano visitatori da ogni dove”.