Nel terzo anniversario della morte di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due Agenti  uccisi  all'interno della Questura di Trieste durante il servizio, da uno squilibrato, il Questore di Ragusa, Giusy Agnello ha voluto rinnovare un momento di preghiera e di raccoglimento  con una breve celebrazione commemorativa dedicata ai due compianti poliziotti.

La  sobria cerimonia si è svolta stamane presso l’atrio della Questura di Ragusa dove nel 2019 è stata collocata l’opera scultorea intitolata  “Figli delle stelle”, realizzata  dall’artista vittoriese Alfio Nicolosi e da lui donata alla Questura di Ragusa in segno di gratitudine e riconoscenza per l’operato di tutte le donne e gli uomini della Polizia di Stato, con  dedica  particolare ai due Agenti.  

Il breve momento rievocativo è stato celebrato, alla presenza di alcuni Funzionari e collaboratori in servizio in Questura,  dei Segretari provinciali delle organizzazioni sindacali e di una ristretta rappresentanza dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato.

 Ad officiare il momento di preghiera è stato il Cappellano della Polizia di Stato di Ragusa, Padre Giuseppe Ramondazzo, che ha voluto ricordare il sacrificio dei due agenti uccisi durante lo svolgimento del proprio servizio e di quanti hanno perso la vita nell’adempimento del loro dovere, in nome del giuramento di fedeltà prestato al momento dell’arruolamento nei ranghi della Polizia di Stato.

 Il Questore di Ragusa, Giusy Agnello,  ha sottolineato il vivo ricordo dei due Agenti che hanno donato la loro vita al servizio dei valori della giustizia, del libero godimento dei diritti dei cittadini e della tutela della legalità, ringraziando le donne e gli uomini della Polizia di Stato che quotidianamente garantiscono e tutelano la sicurezza pubblica.

Al termine della cerimonia ai piedi della stele dedicata ai due poliziotti il Questore ha voluto deporre un omaggio floreale.