Che bella sensazione potere di nuovo respirare l’aria di festa. E così è accaduto anche ieri mattina, a Comiso, quando, durante la domenica antecedente la festa di Maria Santissima Addolorata, si svolge la tradizionale cena gastronomica. 

Si temeva che tutto saltasse a causa delle previsioni meteo che annunciavano acquazzoni. 

E, invece, tutto è potuto svolgersi nel modo migliore. Sin dal mattino, nell’aria, tra il festoso scampanio e lo sparo di salve a cannone, hanno iniziato a diffondersi le note del “Trionfo a Maria Santissima Addolorata”, caratteristica marcia eseguita dalle bande musicali. 

Tutto quello che serve, insomma, per entrare a pieno ritmo nello spirito della festa. Il comitato, accompagnato dai corpi bandistici e da una colorata sfilata di carretti siciliani, ha percorso le vie della città raggiungendo i tavoli riccamente addobbati e imbanditi dai numerosi fedeli. 

Nei giorni precedenti la cena, nei vari quartieri, infatti, ci si organizza per preparare queste lunghe tavolate dove si trova di tutto: dalla pasta alla frutta, dai biscotti ai dolci di ogni tipo, pane, ortaggi, l’immancabile vino e quanto di più è gradito al palato dei tanti cittadini comisani che partecipano al tradizionale evento. 

A mezzogiorno, poi, sulla scalinata della chiesa di San Biagio, i bambini dell’Inno si sono uniti al corteo festoso, per beneficiare di un bel giretto sui carretti siciliani mentre nel pomeriggio la cena gastronomica è entrata nel vivo. Il banditore, con abilità e simpatia, ha venduto all’asta i beni raccolti. 

Parte del ricavato e dei doni raccolti sono devoluti poi in beneficenza per le famiglie bisognose. 

Ieri sera, inoltre, la celebrazione eucaristica vespertina è stata caratterizzata dalla benedizione di tutte le mamme che, tra l’altro, hanno animato il Settenario. Oggi, invece, dopo la messa delle 19, il Settenario sarà animato dall’associazione Mater Ekklesia e dai club service della città. 

Domani, alle 19, ci sarà la celebrazione eucaristica con la partecipazione degli alunni delle classi quinte delle scuole primarie “De Amicis”, “Monserrato” e Senia di Comiso. Saranno gli stessi alunni ad animare il Settenario. Quindi, mercoledì, il Settenario sarà animato dal gruppo Agesci Comiso 1 mentre alle 21 è in programma la veglia di preghiera vocazionale.