Che grande emozione, che straordinari momenti. 

Ci sono voluti tre anni di attesa (l’ultima processione si era tenuta nel giugno del 2019) ma, finalmente, Sant’Antonio di Padova ha potuto riabbracciare i fedeli e i devoti di Comiso. Ed è accaduto ieri, nella stessa giornata in cui ricorre il XXII anniversario della dedicazione della chiesa casmenea al santo patavino. 

Dopo la sfilata folkloristica dei carretti siciliani, artisticamente addobbati che, accompagnati dal corpo bandistico Caravaglios, hanno girato per le vie della parrocchia per la tradizionale raccolta del pane offerto in onore di Sant’Antonio, ieri pomeriggio si è tenuta la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal padre predicatore, il frate Giuseppe Damigella o.p, animata dalla corale parrocchiale. 

A conclusione della celebrazione, la festosa uscita del venerato simulacro di Sant’Antonio di Padova, salutata dal suono delle campane, dalla coreografia di volantini colorati e dalle marce sinfoniche. Subito dopo ha preso il via la solenne processione che ha interessato la maggior parte delle vie del territorio parrocchiale. Era presente anche il sindaco, Maria Rita Schembari. Le strade sono state interessate da un’azione di pulizia straordinaria condotta dall’impresa ecologica Busso Sebastiano.

All’arrivo della processione sul sagrato della chiesa, si è svolto uno spettacolo di luci, musica, effetti scenografici e danza della maestra Roberta Piccilli sul tema: “La Pace in Ucraina”. Quindi, il rientro del simulacro in chiesa e la preghiera di affidamento alla sua intercessione. 

Oggi, si celebra la solennità di Sant’Antonio di Padova, sacerdote e dottore della Chiesa. Già questa mattina, il suono a distesa delle campane ha salutato il giorno dedicato al santo patavino. Subito dopo Santo Rosario e tredicina, quindi la celebrazione eucaristica nel corso della quale è stato benedetto il pane in onore di Sant’Antonio. Alle 11, la celebrazione eucaristica, subito dopo la supplica a Sant’Antonio e l’affidamento dei bambini alla sua protezione. 

Ai bambini offerte le “pupidde ri pane”, seguirà la benedizione del pane. Alle 18 il santo Rosario meditato e la tredicina a Sant’Antonio. 

Alle 19 la solenne messa pontificale presieduta da mons. Mario Russo, vescovo di Caltanissetta, e animata dalla corale parrocchiale. Saranno presenti: le autorità civili e militari, la comunità delle suore del Sacro Cuore di Comiso e tutte le confraternite presenti in città: Sant’Antonio di Padova, dei Sette dolori, del Ss. Sacramento, del Ss. Rosario e dell’Addolorata. Durante la celebrazione la confraternita Sant’Antonio di Padova rinnoverà la promessa annuale. 

Alla processione offertoriale, le suore del Sacro Cuore offriranno i doni con un ballo tradizionale malgascio. A conclusione, la solenne processione eucaristica con il seguente itinerario: via dei Pioppi, degli Agavi, dei Faggi, degli Eucalipti, dei Larci, Lorca, dei Castagni, degli Eucalipti e rientro in chiesa.